Mostra/Nascondi
> AREA UTENTE
Nick


Password

Ricordami
Password dimenticata?
NON SEI REGISTRATO?
Registrati adesso!
> UTENTI ON LINE: 351
Mostra/Nascondi
Home Page
GRIFORUM

 » INDICE GRIFORUM » PERUGIA, LA NOSTRA CITTÀ » I DIVERTIMENTI DEL PERUGINO

INDICE DISCUSSIONI | NUOVO MESSAGGIO |

Pag.

Guarda profilo aallee Invia messaggio in Messaggeria di perugia
Msg: 5 del 31/08/2008 17:10


Post sul forum:
1 di 1
Veniamo ora ai divertimenti del perugino.
Il tempi preistorici lo sport nazionale era considerato la boccia o in evoluzione il gioco del
ruzzolone, ma il perugino antico non disnegnava altri giochi tipici, tipo l”occhio al peso”
e la “morra”, non era difficile imbattersi in gruppi di antichi perugini che nei giorni festivi
si adunavano e intramezzavano bicchieri di vino a questi giochi.
Con il passare del tempo, in epoca più vicina ai giorni d’oggi, anche il perugino,
nonostante sia restio alle novità, si è adeguato ad altri tipi di divertimento.
Negli anni ’70 scoppia il boom del ballo.
“Dua gimo?” “Gimo a ballà” , con queste frasi si apriva il sabato sera dei perugini.
I giovani dell’epoca si radunavano in locali che generalmente erano fuori dalla città,
famosi negli anni rimarranno “ il Billo”, il“Quasar”e il “Kiko 78”, discoteche che videro
nascere tanti amori e, nelle zone della trinità, anche qualche freghino.
Il perugino degli anni 80 oltre frequentare le classiche discoteche della città aumentò
anche le zone di caccia.
Fu in questo periodo che iniziò, forse per la prima volta, a vivere il suo centro storico.
Fino a quel punto utilizzato per andare a fare qualche certificato in comune e per andare
a far spesa al mercato, il centro storico iniziò ad essere anche punto di ritrovo del
perugino, incentivato sicuramente dalle criticatissime (tanto per non smentirsi) scale
mobili ma soprattutto per un altro motivo: l’università degli stranieri, o meglio, delle
straniere.
Lo si vedeva percorrere le strade del centro con la sua Ritmo, generalmente in jeans
attillati che facevano da sfondo a stivali lunghi a punta e con camicia hawaiana, a fiori e
multicolori.
In fase di corteggiamento era tipico il suo modo di fare, commentando con altri amici le
varie prede che capitavano a tiro si andava dal “maglial che fica” o mestamente al “quista
nnè bona mano bel brodo”.
Fermo comunque al suo modo di fare, forse un po’ brusco ma tremendamente
coerente,come per il cibo,che del maiale non butta niente,anche per quel che riguardava
le prede non scartava nulla perché “quille che se scartono ale 10 de sera se posson arfà
bone ale 3 de matina”.
Si radunava nel bar del paese e in ogni gruppo, generalmente, c’era sempre quello che
la sera prima aveva conosciuto la svedese,l’inglese o la giapponese. Di regola partivano
in tre o quattro con la Ritmo, a volte succedeva di incontrare la famosa svedese,
solitamente non era mai quella “ quiste en tutt’alte e bionde”, raramente capitava che
instaurassero qualche sembianza di dialogo,interrotto per seri problemi di lingua e di
solito se ne tornava a casa rimpiangendo i tempi del Quasar.
Negli anni ’90 anche, come nel resto d’Italia,anche il perugino allarga i suoi orizzonti.
Fermo per decenni ai soliti quindici giorni di mare a Fano o Marotta iniziò a emigrare,nel
periodo estivo,verso nuove mete.
Orde di perugini,spinti dai racconti di amici,iniziarono ad affollare le spiagge (un paio di
ore il giorno,se andava bene) e le discoteche della riviera romagnola.
Favoleggiando di nuove prede, sempre accondiscendenti e carine, era consuetudine
notare il perugino tra le vie di Viale Ceccarini. La sua presenza balzava subito all’occhio,
lo sguardo sempre attento a nuove prede, per esperienza dei più grandi scartava le
straniere e si soffermava sulle bolognesi e milanesi.
Apparentemente calmo e taciturno, lo si riconosceva nelle ore serali, prediscoteca,
quando era solito salutare i suoi simili con frasi del tipo “oh anc tu sé tuquì?”, in effetti il
tam tam generale aveva fatto spostare tutti, nel mese di agosto era più facile incontrare
un perugino a Riccione che in Corso Vannucci.
A vacanza finita e perlopiù con magri risultati, forse un po’ deluso ma non per niente
vinto il nostro perugino adottava l’ultima ma la più efficace delle tattiche : l’ultima spiaggia.
Che non era quella dell’isola dei famosi ma quella del Trasimeno.
Fino a settembre lo si vedeva imperversare da Passignano al Lido Santino, in vicinanza di
qualche campeggio affollato da belghe e olandesi, ogni volta a chiedersi “come fonno
quisti a nì n’vacanza ta stà troscia”, era padrone di se stesso, giocando in casa faceva
valere la conoscenza di qualche località umbra e se tutto andava secondo i piani era
tipico il tragitto lago-Assisi-Città della domenica.
Nei giorni d’oggi il perugino sembra essere caduto in una forma di sonnolenza cronica.
Difficile vederlo in giro, statisticamente parlando se si incontrano 100 persone in centro,
solo 10 sono perugini, di questi 10, 2 sono nostalgici cronici ancora alla ricerca della
famosa svedese, 3 li noti perché bestemmiando vagano da un ufficio comunale all’altro e
5 perché non avendo niente da fare fanno una vasca ma avendo sbagliato l’orario di
accesso in centro verranno sistematicamente multati.
Il giovane perugino preferisce stare a casa, rinocoglionirsi con internet (scrivere qualche
cazzata sul muro del Grifo…) , passare le serate in compagnia della playstation.
Generalmente lo si nota il fine settimana, una capatina in centro, a fare il fashion,
prendere un’aperitivo in qualche locale in dell’acropoli e poi tornare nella sua amata
periferia. E’ consigliabile chiedere al perugino quello che farà il sabato sera e non
chiedergli cos’ha fatto in quanto reduce dalla serata è facile che non si ricordi nemmeno
com’ha fatto a tornare a casa.
Sembra comunque che ci sia la panacea a tutti i mali, l’amatissimo sindaco ha in serbo
una sorpresa per tutta la città : il minimetro’.
Sembra si tratti di un’avveneristico mezzo di trasporto che consente a tutta la cittadinanza
di muoversi in tempi rapidi da un punto all’altro della città, alcuni parlano che rasenti il
teletrasporto, altri inizialmente l’avevano scambiato per un nuovo “giochin dì baracconi”.
Staremo a vedere.
E ce ne occuperemo nella prossima puntata del fantascientico mondo perugino.

fantastico! me son fatta certe risate meglio de 7cervelli! se pubblichi un libro giuro che te lo compro! caioo!


Guarda profilo Kiav Invia messaggio in Messaggeria di Santa Maria degli Angeli
Msg: 4 del 21/12/2007 19:36


Post sul forum:
16 di 34
Comunque in vacanza la gente de le parti tue che 'ncontri è impressionante!
Però non penso che il perugino se stia a rincojonì co la Playstation (vabè che io so
de "fori" e n'potria parlà più de tanto!) ;-)


Guarda profilo _Daje_Freghi_ Invia messaggio in Messaggeria di Perugia
Msg: 3 del 20/12/2007 17:49


Post sul forum:
52 di 308
me piaceva più quel altro!!


Guarda profilo griphus88 Invia messaggio in Messaggeria di perugia
Msg: 2 del 18/12/2007 20:01


Post sul forum:
22 di 51
meraviglioso veramente...eccome infatti il giovane perugino de 20 anni a scrive cazzate
sul mero del grifo


Guarda profilo fan75 Invia messaggio in Messaggeria di perugia
Msg: 1 del 18/12/2007 11:40



Buttafori

Post sul forum:
85 di 219
Veniamo ora ai divertimenti del perugino.
Il tempi preistorici lo sport nazionale era considerato la boccia o in evoluzione il gioco del
ruzzolone, ma il perugino antico non disnegnava altri giochi tipici, tipo l”occhio al peso”
e la “morra”, non era difficile imbattersi in gruppi di antichi perugini che nei giorni festivi
si adunavano e intramezzavano bicchieri di vino a questi giochi.
Con il passare del tempo, in epoca più vicina ai giorni d’oggi, anche il perugino,
nonostante sia restio alle novità, si è adeguato ad altri tipi di divertimento.
Negli anni ’70 scoppia il boom del ballo.
“Dua gimo?” “Gimo a ballà” , con queste frasi si apriva il sabato sera dei perugini.
I giovani dell’epoca si radunavano in locali che generalmente erano fuori dalla città,
famosi negli anni rimarranno “ il Billo”, il“Quasar”e il “Kiko 78”, discoteche che videro
nascere tanti amori e, nelle zone della trinità, anche qualche freghino.
Il perugino degli anni 80 oltre frequentare le classiche discoteche della città aumentò
anche le zone di caccia.
Fu in questo periodo che iniziò, forse per la prima volta, a vivere il suo centro storico.
Fino a quel punto utilizzato per andare a fare qualche certificato in comune e per andare
a far spesa al mercato, il centro storico iniziò ad essere anche punto di ritrovo del
perugino, incentivato sicuramente dalle criticatissime (tanto per non smentirsi) scale
mobili ma soprattutto per un altro motivo: l’università degli stranieri, o meglio, delle
straniere.
Lo si vedeva percorrere le strade del centro con la sua Ritmo, generalmente in jeans
attillati che facevano da sfondo a stivali lunghi a punta e con camicia hawaiana, a fiori e
multicolori.
In fase di corteggiamento era tipico il suo modo di fare, commentando con altri amici le
varie prede che capitavano a tiro si andava dal “maglial che fica” o mestamente al “quista
nnè bona mano bel brodo”.
Fermo comunque al suo modo di fare, forse un po’ brusco ma tremendamente
coerente,come per il cibo,che del maiale non butta niente,anche per quel che riguardava
le prede non scartava nulla perché “quille che se scartono ale 10 de sera se posson arfà
bone ale 3 de matina”.
Si radunava nel bar del paese e in ogni gruppo, generalmente, c’era sempre quello che
la sera prima aveva conosciuto la svedese,l’inglese o la giapponese. Di regola partivano
in tre o quattro con la Ritmo, a volte succedeva di incontrare la famosa svedese,
solitamente non era mai quella “ quiste en tutt’alte e bionde”, raramente capitava che
instaurassero qualche sembianza di dialogo,interrotto per seri problemi di lingua e di
solito se ne tornava a casa rimpiangendo i tempi del Quasar.
Negli anni ’90 anche, come nel resto d’Italia,anche il perugino allarga i suoi orizzonti.
Fermo per decenni ai soliti quindici giorni di mare a Fano o Marotta iniziò a emigrare,nel
periodo estivo,verso nuove mete.
Orde di perugini,spinti dai racconti di amici,iniziarono ad affollare le spiagge (un paio di
ore il giorno,se andava bene) e le discoteche della riviera romagnola.
Favoleggiando di nuove prede, sempre accondiscendenti e carine, era consuetudine
notare il perugino tra le vie di Viale Ceccarini. La sua presenza balzava subito all’occhio,
lo sguardo sempre attento a nuove prede, per esperienza dei più grandi scartava le
straniere e si soffermava sulle bolognesi e milanesi.
Apparentemente calmo e taciturno, lo si riconosceva nelle ore serali, prediscoteca,
quando era solito salutare i suoi simili con frasi del tipo “oh anc tu sé tuquì?”, in effetti il
tam tam generale aveva fatto spostare tutti, nel mese di agosto era più facile incontrare
un perugino a Riccione che in Corso Vannucci.
A vacanza finita e perlopiù con magri risultati, forse un po’ deluso ma non per niente
vinto il nostro perugino adottava l’ultima ma la più efficace delle tattiche : l’ultima spiaggia.
Che non era quella dell’isola dei famosi ma quella del Trasimeno.
Fino a settembre lo si vedeva imperversare da Passignano al Lido Santino, in vicinanza di
qualche campeggio affollato da belghe e olandesi, ogni volta a chiedersi “come fonno
quisti a nì n’vacanza ta stà troscia”, era padrone di se stesso, giocando in casa faceva
valere la conoscenza di qualche località umbra e se tutto andava secondo i piani era
tipico il tragitto lago-Assisi-Città della domenica.
Nei giorni d’oggi il perugino sembra essere caduto in una forma di sonnolenza cronica.
Difficile vederlo in giro, statisticamente parlando se si incontrano 100 persone in centro,
solo 10 sono perugini, di questi 10, 2 sono nostalgici cronici ancora alla ricerca della
famosa svedese, 3 li noti perché bestemmiando vagano da un ufficio comunale all’altro e
5 perché non avendo niente da fare fanno una vasca ma avendo sbagliato l’orario di
accesso in centro verranno sistematicamente multati.
Il giovane perugino preferisce stare a casa, rinocoglionirsi con internet (scrivere qualche
cazzata sul muro del Grifo…) , passare le serate in compagnia della playstation.
Generalmente lo si nota il fine settimana, una capatina in centro, a fare il fashion,
prendere un’aperitivo in qualche locale in dell’acropoli e poi tornare nella sua amata
periferia. E’ consigliabile chiedere al perugino quello che farà il sabato sera e non
chiedergli cos’ha fatto in quanto reduce dalla serata è facile che non si ricordi nemmeno
com’ha fatto a tornare a casa.
Sembra comunque che ci sia la panacea a tutti i mali, l’amatissimo sindaco ha in serbo
una sorpresa per tutta la città : il minimetro’.
Sembra si tratti di un’avveneristico mezzo di trasporto che consente a tutta la cittadinanza
di muoversi in tempi rapidi da un punto all’altro della città, alcuni parlano che rasenti il
teletrasporto, altri inizialmente l’avevano scambiato per un nuovo “giochin dì baracconi”.
Staremo a vedere.
E ce ne occuperemo nella prossima puntata del fantascientico mondo perugino.



INDICE DISCUSSIONI | NUOVO MESSAGGIO |
Pag.


 
DIRETTA AUDIO


PARTECIPA

INDOVINA IL RISULTATO
Gioca con AC-PERUGIA.com

GRIFONE DELL'ANNO
Vota il Grifone 2021/2022
LA LETTIERA
» TECHETECHERÈDIO
Aggiornato: 11/10/21

Visite 2556
Commenti 1

ANNUNCIO
PER LUCIA

"Ciao! Sono la mamma di Lucia e vorrei diffondere il link di una raccolta fondi che ho organizzato insieme alla mia famiglia per mia figlia. Lo scopo è acquistare il farmaco Voxzogo che permette alle sue ossa di ricominciare a crescere normalmente. Purtroppo al momento il Sistema Sanitario Nazionale non copre le spese del farmaco e per la nostra famiglia si tratta di una spesa troppo onerosa da sostenere.
Chiedo a chiunque possa di aiutarci, anche con la condivisione del link.
Grazie di cuore!"

www.gofundme.com/f/un-futuro-per-lucia

FantaGrifOtto
FantaGrifOtto FantaGrifOtto
ULTIMO INCONTRO
PLAY-OFF
sabato 14.05.22 ore 18:00
Brescia 3
PERUGIA 2

CLASSIFICA
Lecce
72
Cremonese
69
Monza
67
Pisa
67
Brescia
66
Ascoli
65
Benevento
63
PERUGIA
58
Frosinone
58
Ternana
54
Cittadella
52
Parma
49
Reggina
48
Como
47
SPAL
42
Cosenza
35
Alessandria
34
Vicenza
32
Crotone
26
Pordenone
18


* Punti di penalizzazione

Annuncio
NEWS
» 17/05 - 19:07. QUALE IL PERUGIA DA CUI RIPARTIRE
Archiviata l'amarezza per la beffarda, quanto ingiusta eliminazione dai play off, per il Perugia, che, a detta del Presidente Santopadre, si conce ...»»

» 16/05 - 12:32. GIUDICE SPORTIVO PRELIMINARI PLAY OFF E LE PROVOCAZIONI ALTRUI
Le bombe carta (dentro o fuori lo stadio), non sono sanzionabili... per lo meno a Brescia... Imparzialità anche sulle decisioni del Giudice Spo ...»»

» 15/05 - 21:13. L'ANGOLO DEL DOPO BRESCIA - PERUGIA: UN GRIFO STREPITOSO FATTO FUORI DAL "SISTEMA". RESTA UNA STAGIONE DA INCORNICIARE
Il giorno dopo fa ancora più male, ma ci sono solo applausi per questo Perugia. Solo applausi per una partita, quella culminante della stagione ...»»

ANNUNCIO
VECCHIA GUARDIA
TIFO TUBE PERUGIA
I video della Curva
GALLERIA
Annuncio

Sostieni e diffondi l'Associazione cliccando 'Mi piace' sulla pagina Facebook!
Annuncio
ZAKO
ANNUNCIO
ZONA TIFO
I POST DEL MESE
tommi82pg
PERUGIAPERSEMPRE
Magimeno
BircioliDoro
pakàl

» Mostra tutti 

IL MURO
Ultimo post
paolobitta
23:09

GALLERIA

» INVIA UNA FOTO!



15/02/2018
Cena del Muro a Ginestreto
Inviata da GrifOvunque
il 17/02/2019
INVIA UNA FOTO
Tuo nome o nick
Tuo indirizzo e-mail
Allega la foto
Scattata il
Descrizione evento

Autorizzo il download della foto (facoltativo)
Dichiaro che le foto non sono coperte da diritti d'autore e che le persone in esse ritratte sono consenzienti alla pubblicazione.