Mostra/Nascondi
> AREA UTENTE
Nick


Password

Ricordami
Password dimenticata?
NON SEI REGISTRATO?
Registrati adesso!
> UTENTI ON LINE: 191
Mostra/Nascondi
Home Page
GRIFORUM

 » INDICE GRIFORUM » IN MEMORIA DI RENATO CURI » QUEL MALEDETTO 30 OTTOBRE 1977

INDICE DISCUSSIONI | NUOVO MESSAGGIO |

Pag.

Guarda profilo Totav72 Invia messaggio in Messaggeria di Perugia e dintorni
Msg: 10 del 31/10/2017 08:14


Post sul forum:
20 di 40
Perugia-Juve, 40 anni fa la tragedia di Renato Curi: obbligò il calcio a crescere
30/10/2017, 16:30
di Marco Bernardini
Condividi su:



"Occhio al piccoletto che ci ha già fatto male una volta. Molto male”. Poche parole, ma assai chiare, quelle usate da Giovanni Trapattoni come raccomandazione ai suoi ragazzi che si apprestavano ad affrontare il Perugia nello stadio il quale ancora si chiamava Pian di Massiano. In effetti il “piccoletto” in questione, nome e cognome Renato Curi con un gol che pure non rientrava nei suoi compiti specifici di calciatore aveva castigato la Juventus sul finire di due campionati precedenti consentendo così al Torino guidato da Gigi Radice di soffiare lo scudetto ai bianconeri sul filo di lana. “Ci penso io mister” rispose Beppe Furino massaggiandosi i piedi di capitano con l’elmetto. Si andava a cominciare quella che da classica rappresentazione della domenica si sarebbe trasformata in una tragedia. Quarant’anni fa.

Il clima meteorologico pareva aver presagito ciò che sarebbe accaduto quel giorno. Il cielo piangeva lacrime gelide e l’aria era ghiaccia come soltanto in Umbria riesce ad esserlo certi giorni anche prima che arrivi l’inverno. L’appuntamento sportivo era quello delle grandi occasioni. La Juventus del potere trapattoniano a confronto con il Perugia portatore sano di una nobiltà ritrovata grazie al suo presidente galantuomo D’Attoma, ad un allenatore pioniere di moderne strategie come Castagner, di giocatori con il cuore in mano come Novellino, Vannini e Curi. Lo spettacolo non sarebbe mancato, malgrado la pioggia e il vento.

In tribuna stampa affiancavo il collega maestro Vladimiro Caminiti. Lui avrebbe raccontato, ma soprattutto cantato come soltanto il sue genio poetico sapeva inventare, la partita. In quel modo io potevo concentrare tutte la mia attenzione esclusivamente sul “castigamatti” della Juventus seguendolo per tutti i novanta minuti nella sua prestazione. Impossibile da non riconoscere in mezzo agli altri, Renato Curi. Una sorta di “puffo” bianco e riccioluto sempre in movimento. E quel suo essere ovunque lo rendeva una gemma preziosissima per il gioco preteso da Castagner.

Improvvisamente, sul finire del primo tempo, Curi si bloccò toccandosi il polpaccio della gamba destra e poi uscì dal campo zoppicando. Immaginai che il mio compito di osservatore speciale di un giocatore speciale fosse finito lì, per quella domenica. Manco potevo minimamente immaginare ciò di assurdo sarebbe accaduto tra poco e che il mio lavoro si sarebbe concluso lontano dallo stadio.

Curi era rientrato per giocare il secondo tempo e pareva in perfetto ordine. Cinque minuti e una manciata di secondi dal via della ripresa, crolla a terra da solo sulle tre quarti del campo. Nessun avversario lo la toccato. Più che cadere sembra afflosciarsi come un pupazzo pieno d’aria forato con uno spillo o come un palloncino colorato che esplode tra le mani di un bambino. Corrono e si avvicendano intorno a lui compagni e giocatori avversari.

Bettega si mette le mani tra i capelli. Causio urla come un ossesso verso la panchina perché qualcuno faccia presto nel portare aiuto a quello che, osservato dall’alto, sembra un manichino colorato già gonfio di pioggia. Ambulanza e di corsa all’ospedale, dopo i vani tentativi di rianimare il poveretto. Lascio la stadio e guido come un folle verso il luogo dove Curi è stato trasportato. Il suo corpo, non lui. La sua anima era già volata via da quel pezzo di campo verde e inzuppato di acqua con, a fargli da corona, un popolo tifoso raggelato nel cuore. Sarà Sandro Ciotti a dare l’annuncio in radio della tragedia avvenuta dopo aver chiesto la linea ad Ameri. Non per un gol, ma perché “Renato Curi è morto pochi istanti fa”. Lo stadio di Perugia verrà intitolato a lui.

Un evento pazzesco che, paradossalmente, servì tantissimo al mondo del calcio obbligandolo a riflettere sulla necessità fondamentale di prevenire in ogni modo disastri di quel tipo. La medicina applicata al gioco, fino a quel giorno, non si era mai preoccupata fino in profondità di conoscere e testare in maniera completa quella bella razza di ragazzi sani a tutti i costi. L’uso del defibrillatore sui campi di calcio era pratica sconosciuta. Curi aveva nel petto un “cuore matto”, come Bitossi. Lui persino ci scherzava sopra. Ma da quella domenica di quarant’anni fa nessuno nel mondo del pallone prese più alla leggera le indagini dovute su calciatori al di sopra di ogni sospetto. Nessun sacrificio è inutile. Quello di Renato Curi fu davvero epocale.
Marco Bernardini


Guarda profilo Pisa biancorossa Invia messaggio in Messaggeria di Pisa
Msg: 9 del 31/10/2017 07:36


Post sul forum:
5 di 5
Riporto la testimonianza di Marino Bartoletti, 29/10/2017

I giornalisti della mia generazione hanno molto amato il Perugia della fine degli anni ’70: e ovviamente Perugia. E non solo - almeno per quanto mi riguarda - perché mi stavo avvicinando al bellissimo traguardo dei trent’anni, ma perché andare a vedere quella squadra rappresentava una boccata d’aria buona sotto tutti i punti di vista.
Straordinario, per intelligenza imprenditoriale e per tratto umano, il suo presidente Franco D’Attoma; di una modernità assoluta il suo allenatore Ilario Castagner che in un paio d’anni aveva portato dalla B ai vertici della Serie A una squadra praticamente senza stelle (a parte forse Novellino e Bagni), ma assolutamente piena di luce calcistica. Eppure…
Eppure fu proprio a Perugia, nello stadio che allora si chiamava convenzionalmente “Pian di Massiano” e che avrebbe cambiato nome proprio per quello che accadde quel giorno, che esattamente il 30 ottobre di quarant’anni fa, il mondo della nostra innocenza nel raccontare calcio ci rovinò addosso.
Era una giornata molto fredda: di pioggia non sferzante, ma gelida. Sul campo fradicio, due delle quattro squadre prime in classifica a pari punti: il Perugia, appunto, e la fortissima Juventus di Giovanni Trapattoni che di lì a pochi mesi avrebbe alimentato per otto-nove undicesimi la formazione titolare della Nazionale di Bearzot in Argentina.
Da una parte, dunque, l’invincibile armata. Dall’altra bucanieri coraggiosi i cui nomi potrebbero dir poco ai ragazzi di oggi: Grassi, Nappi, Dall’Oro, Matteoni….E poi Frosio, Zecchini, Amenta, Speggiorin… C’era anche Walter Sabatini. E c’era Curi… Renato Curi. Aveva 24 anni da un mese il trottolino di Ascoli cresciuto a Pescara: e la maglia numero 8. E allora chi aveva la maglia numero 8 doveva correre, correre tanto, correre per tutti. E far pulsare il cuore della squadra. Ma anche il suo.
E Renato aveva corso per l’intero primo tempo: aveva anche piedi buoni, era stato forse il migliore in campo. Era alto 1 metro e 65: l’altra mezz’ala, Franco Vannini, 1 metro e 90. Da soli, così bizzarramente assortiti, avevano tenuto in scacco il centrocampo dei Campioni d’Italia (quei Campioni a cui un suo gol, un anno e mezzo prima aveva sfilato lo scudetto a favore del Torino). Al quinto del secondo tempo Curi si accasciò senza apparente motivo. L’arbitro Menegalli fermò il gioco vedendo l’agitarsi angosciato accanto a lui di alcuni compagni, di Benetti, di Bettega, di Scirea. In tribuna arrivò l’onda dell’incredulità e della disperazione. Un’onda ancora più gelida di quella giornata.
Il massaggio cardiaco, la respirazione bocca a bocca, la barella, il caos… Lo sgomento. Renato arrivò morto al Policlinico. La partita si trascinò fino allo 0 a 0 finale in un angosciante, frastornato play back
Il giorno dopo scoppiarono, inevitabili, le polemiche. Noi giornalisti dovemmo cambiare cappello e farci medici e avvocati; rintronati da voci e teorie. Personalmente presi anche una querela che si risolse nel nulla, ma di cui non vado certo fiero. Ricordo ancora un termine appreso allora: ”pancardite reumatica”. Ci fu chi disse che Renato sapeva di essere a rischio e che il suo non fosse, come diceva scherzando, soltanto “un cuore un po’ matto”. Ci fu invece sostenne che fosse perfettamente idoneo. Inutile e irrispettoso, almeno oggi, rivangare quelle dispute sterilmente tardive
In tribuna, quando si consumò quella tragedia, c’era sua moglie Clelia. La piccolissima Sabrina era rimasta a casa. Clelia non sapeva di avere in grembo un bimbo. Che sarebbe nato otto mesi dopo. E che si sarebbe chiamato come il suo papà. E poi come lo stadio di Perugia.
Quel bimbo lo vidi per la prima volta, durante una puntata di “Quelli che il calcio”, poco più di vent’anni dopo. Era venuto anonimamente tra il pubblico. “Sono Renato Curi” mi disse. Lo abbracciai, piangendo le lacrime che non avevo pianto allora.


Guarda profilo rob1978 Invia messaggio in Messaggeria di spoleto
Msg: 8 del 30/10/2017 21:28


Post sul forum:
6 di 7
Quel giorno c'era mio babbo juventino (da piccolo sono stato in bilico per tifarla anche io) in gradinata io sarei nato quasi un anno dopo. Mi sono fatto raccontare quel giorno centinaia di volte.non torno più allo stadio se non raramente e ogni volta gli piaceva sempre meno. quel fatto l'aveva colpito dentro e preferiva la radio e 90 minuto. Giusto per vedere i goal. Ora non c'è più nemmeno lui e spero sia riuscito ad incontrare Renato perché avevano lo stesso carattere secondo me. Umiltà e sacrificio questa era la vita per loro. Ciao Renato ciao Papà


Guarda profilo KARL Invia messaggio in Messaggeria di bologna
Msg: 7 del 30/10/2017 21:16


Post sul forum:
8 di 10
Io ero in parterre tribuna con mio Padre..praticamente mi è crollato a pochi metri.... ricordo un signore che inveiva contro Gentile o Furino non ricordo.....convinto che l'avesse colpito a tradimento.
Fuori dallo stadio clima surreale, in una tragedia simile ricordo una cosa bellissima: una grande immensa famiglia che partecipava al dolore mentre la radio diffondeva la tragica notizia.
Ricordo che il Lunedì la maestra a scuola ci fece fare un tema ricordando l'accaduto.
Al funerale ho avuto l'onore di essere in campo, all'epoca apparteneva ad una società sportiva ed inoltre il prete che ha officiato della messa era di madonna alta, la mia parrocchia.
Avevo 10 anni, impalato sul campo fradicio senza ombrello tenevo una delle tante corone.


Guarda profilo Pisa biancorossa Invia messaggio in Messaggeria di Pisa
Msg: 6 del 30/10/2017 21:06


Post sul forum:
4 di 5
Avevo 11 anni e i miei mi mandarono per la prima volta alla partita da solo (altri tempi!). Ricordo la lunga camminata per arrivare al Curi con i volumetti di Alan Ford sotto il braccio (avrei dovuto aspettare 3-4 ore prima dell'inizo della partita, mica non c'erano i cellulari per passare il tempo), l'emozione dell'ingresso in curva e quel terribile temporale. Poi Curi cade: nella mia mente di bambino pensavo ad un fallo di gioco (anche perchè seguire la partita con quella pioggia e senza ombrello nè impermeabile non era facile) e non mi rendo conto di nulla. Torno a casa fradicio di acqua con il fango fino alle ginocchia (a quei tempi la zona Cortonese e Pian i Massiano era ancora metà palude), gli Alan Ford dispersi in una mega pozza di acqua e i miei preoccupatissimi: poi apprendo da mia sorella la terribile notizia e stento a crederci. Ma lo voglio ricordare con lo stupendo gol che ci fece sotto la curva l'anno precedente, all'ultima di campionato: in quell'occasione ero accompagnato da mio cugino juventino...


Guarda profilo fan75 Invia messaggio in Messaggeria di perugia
Msg: 5 del 30/10/2017 20:53



Buttafori

Post sul forum:
214 di 218
Io non c ero. Non posso avere ricordi di Te e di quella maledetta giornata. Io non c ero ma ho iniziato a conoscerti che ero piccolo. Per me eri lo stadio. Per me il Renato Curi era lo stadio del Perugia, dove giocava il Perugia che io volevo vedere. Era casa tua, iniziava ad essere anche casa mia. Per me sei stato uno dei primi nomi familiari della mia vita e quando sentivo il tuo nome pronunciato in tv o alla radio " al Renato Curi di Perugia " mi prendeva un senso di felicità e orgoglio. Sensazioni irrazionali da bambini.

Adesso, a 42 anni, posso dire di aver condiviso la tua casa per 36 anni. Cosa significa il Renato Curi? Significa semplicemente vita, significano momenti indimenticabili nella sconfitta e nella vittoria, significa aver conosciuto persone che sono diventati fratelli, significa non vedere più il papà che ti ha portato da piccolo, significa aver perso amici che hanno condiviso con te questa passione. Significa tutto. Renato Curi è vita.

Chissà cosa si sceglierebbe come destino, Tu non avresti scelto questo, non lo avrebbe scelto nessuno. Ma forse, se deve esserci una logica, un filo conduttore, la tua tragedia non è stata vana. E se a 40 anni esatti, tanti come me e molto più giovani ti portano nel cuore un motivo c è.
Perché tu non sei un ricordo, tu, per chi condivide questa passione, sei tutto. Sei Vita.

Ciao Renato.


Guarda profilo sollier Invia messaggio in Messaggeria di perugia
Msg: 4 del 30/10/2017 19:14


Post sul forum:
2 di 7
Come al solito ero in curva insieme ai miei genitori, ero un dodicenne che sognava con il Grifo tra le prime in classifica.Siccome quel giorno pioveva a più non posso, alcuni addetti fecero trasferire molte persone della Nord in tribuna durante l'intervallo. E nonostante avvenne sotto i nostri occhi, molte persone non si resero conto della gravita' del fatto. In molti pensammo ad un grave infortunio e addirittura si sprecarono le imprecazioni verso i giocatori bianconeri. Solo quando tornai a casa, una vicina mi domando': " ma chi è quel giocatore che è morto oggi? " entrai in una confusione mentale che durò più giorni, compreso il giorno della visita alla Camera mortuaria allestita negli spogliatoi dello stadio. Per me Renato fu il primo incontro con la morte....un immagine che mi porterò dentro per sempre, come l'amore per questa maglia! Lode a te Renato Curi!


Guarda profilo Zico Invia messaggio in Messaggeria di Perugia
Msg: 3 del 30/10/2017 18:17


Post sul forum:
7 di 7
In quegli anni spesso ero in campo a fare il raccattapalle, Vannini abitava di fronte a casa mia, verso mezzo giorno suonava il clacson della sua mini traveller e gentilmente mi accompagnava allo stadio facendomi accomodare nel rettangolo verde, con tale raccomandazione mi collocavo sotto la curva nord (alla quale comunque mio padre mi sottoscriveva regolarmente l'abbonamento ad inizio stagione).
Anche quel giorno ero lì, ma ad un certo punto mi sono disteso sotto i cartelloni pubblicitari perchè inzuppato e infreddolito non sopportavo più la pioggia.
Uscivo fuori solo per recuperare velocemente il pallone, dovevo fare il mio dovere, anche perchè noi volevamo vincerla quella partita, Renato Curi nel tunnel si sentiva carico ed ottimista.
Quando la barella è passata vicino a me, Mario Scarpa teneva la coperta sul corpo di Renato Curi e piangeva....piangeva come un bambino .....
Non commettiamo l'errore di ritirare la maglia n. 8, lasiamola correre nel campo, magari stampiamo il nome nel colletto e soprattutto,.... facciamola indossare a chi veramente lo merita...
Lode a Te, Renato Curi


Guarda profilo mr.poldo78 Invia messaggio in Messaggeria di perugia
Msg: 2 del 30/10/2017 17:55


Post sul forum:
71 di 84
io non posso avere ricordi di quel giorno essendo nato dicembre dell'anno successivo ma i miei genitori si sono conosciuti in curva quel giorno.


Guarda profilo Pisa biancorossa Invia messaggio in Messaggeria di Pisa
Msg: 1 del 30/10/2017 16:47


Post sul forum:
3 di 5
Sono passati 40 anni da quel maledetto giorno. Molti di voi non erano neanche nati ma altri, più o meno ragazzini, quel giorno si trovavano al Curi ed hanno vissuto con i loro occhi quella tragedia, elaborandola in maniera diversa, a seconda dell'età e del contesto in cui si trovavano. Sarebbe bello se ognuno di noi, in questa discussione, riportasse la testimonianza di quel freddo e piovoso pomeriggio, con le sue parole e i suoi ricordi, perché la memoria di Curi rimanga sempre forte e presente e per far capire ai più giovani come si viveva il calcio 40 anni fa. E chi non c'era può trascrivere come gli è stato raccontato quel giorno, dai suoi amici o genitori. In un tempo dove va di moda, da parte di presidenti facoltosi, intitolare nuovi stadi a parenti, in una sorta di autocelebrazione, siamo fieri di avere il nostro stadio intitolato a Renato Curi, in assoluto il più grande giocatore che ha indossato la maglia del grifo e che tutti sentiamo uno di noi. Sarebbe bello poi stampare queste testimonianze ed esporle al museo del Perugia perché questo, seppur drammatico, rimane un pezzo di storia indelebile della nostra città, che tutta intera pianse per quel giovane e grande calciatore con il n.8 sulla maglia biancorossa.



INDICE DISCUSSIONI | NUOVO MESSAGGIO |
Pag.


 
CONCORSO
INDOVINA IL RISULTATO
Gioca con AC-PERUGIA.com

GRIFONE DELL'ANNO
Vota il Grifone 2018/2019
LA LETTIERA
ANNUNCIO
FantaGrifOtto
FantaGrifOtto FantaGrifOtto

Calendari e gironi 2019
Allenatevi!

ULTIMO INCONTRO
20º GIORNATA
sabato 19.01.19 ore 18:00
PERUGIA 0
Brescia 2

PERUGIA 2005 News
» Diretta Txt

» Tabellino 

CLASSIFICA
Palermo
37
Brescia
35
Pescara
33
Lecce
31
Verona
30
Benevento
30
Spezia
27
Salernitana
27
Cittadella
27
PERUGIA
26
Ascoli
25
Cremonese
23
Venezia
22
Cosenza
20
Carpi
17
Foggia -8 *
16
Livorno
15
Padova
15
Crotone
14


* Punti di penalizzazione

PROSSIMO INCONTRO
SERIE B 2018/2019
21º GIORNATA
sabato 26.01.19 ore 15:00
Ascoli
PERUGIA
Annuncio
NEWS
» 22/01 - 17:20. PERUGIA BRESCIA, DUE CARTELLINI GIALLI. TUTTE LE DECISIONI DEL GIUDICE SPORTIVO
a) SOCIETA' Il Giudice sportivo, premesso che in occasione delle gare disputate nel corso della prima giornata ritorno soste ...»»

» 22/01 - 15:15. IL NOTIZIARIO BIANCOROSSO: LA PRIMA VOLTA DI CARRARO...
Dopo la ripresa pomeridiana di ieri inizia il ciclo di allenamenti mattutini per il Perugia, che continua a prepararsi per la delicata trasferta di As ...»»

» 21/01 - 18:53. IL NOTIZIARIO BIANCOROSSO: RIPRESA SOTTO LA PIOGGIA PER I GRIFONI. MELCHIORRI OUT ANCHE AD ASCOLI?
Dopo le due sconfitte consecutive con Cremonese e Brescia il Perugia cerca di rimboccarsi le maniche e ripartire, magari già dalla prossima sfi ...»»

ANNUNCIO
NATALE BIANCOROSSO

VECCHIA GUARDIA
TIFO TUBE PERUGIA
I video della Curva
GALLERIA
Annuncio

Sostieni e diffondi l'Associazione cliccando 'Mi piace' sulla pagina Facebook!
Annuncio
ZAKO
ANNUNCIO
ZONA TIFO
I POST DEL MESE
Magimeno
GRIFANTE
Zako
El loco
Pisa biancorossa

» Mostra tutti 

IL MURO
Ultimo post
gennaro1904
01:29

GALLERIA

» INVIA UNA FOTO!



25/05/2018
Cena del Muro Ponte Valleceppi
Inviata da GrifOvunque
il 26/05/2018
INVIA UNA FOTO
Tuo nome o nick
Tuo indirizzo e-mail
Allega la foto
Scattata il
Descrizione evento

Autorizzo il download della foto (facoltativo)
Dichiaro che le foto non sono coperte da diritti d'autore e che le persone in esse ritratte sono consenzienti alla pubblicazione.